Sorgenia

IN DIRETTA CON ENERGIE SENSIBILI

lunedì 05 marzo 2012

Fritto misto di energia. Riciclare l’olio da frittura

Una soluzione innovativa potrebbe permetterci di smaltire con criterio uno dei rifiuti domestici più usati. Si tratta di un’iniziativa promossa da Michele Faberi, esperto della valorizzazione energetica di Ecosoluzioni. L’idea è quella di riciclare l’olio da frittura usato, il cosiddetto Oapc (olio alimentare post consumo), per riutilizzarlo come fonte di energia per l’illuminazione, il riscaldamento e il trasporto pubblico.  Da qui nasce il progetto Oileco, finanziato in buona parte da Intelligent energy for Europe e che prevede il recupero dell’olio alimentare; ciò costituisce anche un vantaggio per l’ambiente, evitando ai consumatori di disperdere la sostanza negli scarichi di Wc e lavandini.

Secondo Faberi, tale iniziativa permetterebbe di recuperare 600mila tonnellate all’anno di combustibile, con una stima di 4 kg di olio a testa.  Per metterla in atto è necessario promuovere politiche di bacino, per inserire la raccolta e il riciclo in una catena virtuosa, in una vera e propria filiera. Faberi invita i sindaci dei comuni a federarsi e a proporre una serie di incentivi che invoglino i cittadini ad aderire.

Fonte: Ansa.it

 

Subscribe to EcoPensiero – efficienza e sostenibilità by Email

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DeliciousFacebookLinkedInOknotizieShare